venerdì, maggio 30, 2008

Come nasce un telaio - la misura corretta


Uno dei problemi per la scelta del telaio per la propria fissa è conoscere la misura giusta.
Esistono numerosi calcolatori in rete per stabilirla, per lo più riferiti alla geometria tradizionale di un telaio per bici da corsa.
Il paramentro fondamentale è la misura del cavallo che va moltiplicata per 0.65 (anche se ci sono teorie lievemente differenti) per ottenere la taglia del telaio.
Il posizionamento su una bici da corsa (BDC) è una scienza quasi esatta che tiene conto del fatto che le bici sono tutte montate e vengono usate allo stesso modo per cui ci sono esperti biomeccanici che misurando le varie parti del corpo sono in grado di calcolare alla perfezione le quote del telaio e dei vari accessori.
Una fissa per uso cittadino però è spesso montata in maniera molto diversa (un manubrio da MTB comporta una posizione ben diversa dal montare un manubrio da pista piuttosto che "con le corna") e può essere usata in modo molto corsaiolo, tranquillo o freestyle.
Quindi?
La soluzione migliore sarebbe avere un telaio di partenza su cui ragionare, se abbiamo fatto una conversione su un telaio di recupero di una misura abbastanza corretta si può pensare di usarlo come base per studiare un prodotto definitivo, ad esempio come mi trovo col telaio che ho già? E' lungo, corto, ci sto comodo, ma vorrei una impostazione più aggressiva?
In alternativa misurarsi per benino cavallo, busto, braccia, etc e usare uno dei calcolatori che ci sono in rete o meglio ancora farsi misurare da un esperto.
Tempo fa un negoziante molto capace mi aveva preso tutte le misure e aveva decretato che il mio telaio ideale era un 61x58 centro centro con geometria tradizionale (più alto che lungo perchè ho le gambe lunghe in proporzione al corpo).
Arrivando dalla MTB e dal momento che stavo usando una bici più lunga mi sembrava che il risultato fosse sbagliato ... dopo 2 anni posso dire che aveva perfettamente ragione, ho un telaio pista tradizionale 60x58 e uno semislooping le cui misure, riportate come tradizionali, sono 58x57.5 e indovinate un po'? Sono perfetti come lunghezza ed entrambe un pelo troppo bassi (errore compensato facilmente con l'attacco manubrio).

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Eggia`....ma il bello dell'acciaio e` che per noi "storti" (io ho le gambe corte) il telaio si puo` fare
su misura facvilmente....e in italia c'e` la gente che lo fa....

Cuftis

Aldone ha detto...

un telaio su misura lo puoi fare in qualunque materiale e un acciaio ti costa più o meno come un pari livello in alluminio.

Lanerossi ha detto...

La biomeccanica sarà una scienza quasi esatta, ma quando vai da un vecchio meccanico diventa arte e viene fatta tutta ad occhio, con poche misure...
Ho la fortuna di lavorare quotidianamente con uno di questi vecchi meccanici, un giorno o l'altro mi farò posizionare da lui.

Intanto, dopo 10 e passa anni di bici, molti dei quali in mtb, sperimento ancora la posizione, mm dopo mm.
Il prossimo passo sarà alzare un pelo il manubrio, su una delle bici ce l'ho a 61.5 cm da manubrio all'asse delle ruote e sto da Dio. Sulle altre un po' meno e non riesco stare a lungo in presa bassa...
Direi che è importantissimo sperimentare se non si ha voglia di andare dal (bio)meccanico