domenica, luglio 27, 2008

I costi delle conversioni


Molti hanno apprezzato il post sulle bici di serie, la domanda frequente è: "ho capito quanto costa una bici preconfezionata, ma, a questo punto, quanto costa una conversione?"
Innanzitutto bisogna considerare due variabili: punto di partenza e punto di arrivo, ovvero se si parte da un telaio nudo o da una bici completa in condizioni di essere pedalata e se si vuole arrivare ad una fissa accettabile con mozzi generici o ad una bella fissa con mozzi da pista.
Considerando una bici completa da corsa usata in acciaio in buone condizioni che può costare usata da 100 a 150 euro (prezzo per una bici fine anni '80 inizio '90, senza ruggine o danni seri e componentistica Campagnolo o Shimano) si può mettere a budget una coppia di ruote assemblate con mozzi pista (prezzo indicativo 200 euro gommate e con pignone), 50 euro per "varie" (catena nuova, nastro manubrio, cosette) e si ottiene un ottimo prodotto stando su una cifra intorno ai 350-400 euro, mantenendo guarnitura, manubrio e sella originali.
Quella appena descritta è, secondo me, la soluzione migliore per una valida conversione; la mia vecchia Bottecchia bianca che vedete nella foto l'ho venduta a 350 euro, senza nè perderci, nè guadagnarci, calcolando 150 per telaio e componenti usati e 200 di ruote montate con Miche pista e cerchi nuovi.
Spendere di più per una conversione non ha veramente senso, visto che con 6-700 euro si compra una bici nuova.
Volendo spendere meno e partendo da una bici completa dotata di mozzi filettati si possono utilizzare le ruote originali limitandosi ricampanare la posteriore, montare un pignone fisso (15-20 euro) e cambiare la catena (5-10 euro) rimanendo dunque abbondantemente sotto i 200 euro (anche sotto i 100 se si trova una buona occasione).
Partire da un telaio nudo non è un'ottima idea, a meno di non poter rovistare nel retrobottega e nell'immondizia (non scherzo spesso molti componenti vengono buttati solo perchè vecchi) di un amico negoziante, si finisce per spendere una cifra molto elevata comprando i singoli pezzi uno per uno, poichè, anche a cercarli usati, difficilmente si pagheranno meno di 5-10 euro a singolo componente per i pezzi "piccoli", mentre una guarnitura anche da strada riadattata non costerà meno di 50 euro.
Se poi ci decide di far riverniciare il telaio in carrozzeria (costo almeno 50 euro) e la ricerca dei componenti è un po' "caotica", la spesa finale si avvicina, se non addirittura supera quella per una bici nuova.
I prezzi citati sono molto, ma molto, indicativi, parlando di usato è difficile dare quotazioni precise, c'è da aggiungere comunque che i prezzi sono da considerare per i soli componenti, se non siete capaci di montarveli e fate fare il lavoro da in un negozio, ammesso che ve lo faccia, bisogna ovviamente aggiungere i costi di mano d'opera.
Fondamentale quindi se si affronta una conversione è avere ben chiaro un budget e un'idea di quello che si vuole ottenere altrimenti si rischia di buttare via i propri soldi.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

ma la Bottecchia l'hai venduta con entrambi i freni?
e l'attacco manubrio era quello in foto o un altro?
e le cinghietta ai pedali le hai lasciate o te le sei riprese?
e senti ma...?
Certo che vendere una fissa con entrambi i freni a prezzo onesto per poi spellare l'acquirente quando si accorge che gli hai venduto due cose inutili, antiestetiche, non funzionali, ecc. e torna per farseli togliere...
Sei proprio un BALORDO...
P.S. catazze a parte, ti quoto in pieno, sei un po' esteta rispetto al mio approccio fissico ma, sei un grande per chiarezza espositiva, e disponibilità.
P.p.s. sto facendo la corte ad una bici da corsa di un amico con il quale correvamo assieme da ragazzini, può darsi me la regali a patto di prestargliela qualche volta quando risistemata, se l'operazione dovesse riuscire, ho intenzione di spenderci dei soldini perchè, la misura è quasi perfetta e il telaio meriterebbe la cosa, ti faccio sapere e nel caso sarai costretto ad aiutarmi altrimenti vengo a Torino con una MTB da supermercato, la forcella a rovescio, giro cavi intrecciato e dico a tutti che me l'hai assemblata tu...
M!!!

Aldone ha detto...

La bici è stata venduta esattamente cone si vede in foto, l'attacco Alter (usato) l'ho preso direttamente dal cestino dell'immondizia di un negozio di bici (visto che telai con forcella da 1" non filettata sono obsoleti).
I freni ci stavano bene perchè il tubo superiore del telaio è forato per farci passare il cavo e i due buchi mi sembravano più antiestetici della presenza del freno.

Visionimiopi ha detto...

Anche io ho pescato il mio attacco, un 3T forgiato, dal cestino dei "rifiuti" di un negozio!
In effetti con i vecchi telai di solito ti trovi il tubo forcella filettato e i componenti per questo sistema te li tirano dietro pur di disfarsene.

ska ha detto...

yoooo ma come si arriva ai cestini dei noegozianti?!?!...
bella la conversione cavolo, ci sto provando, dopo aver sverginato il mio spirito fissato, partendo da un manubrio e da un ottima ciclofficina... appena trovo una buona occasione mi (ri)metto all'opera uef.

Giaky ha detto...

Ciao a tutti
dopo mesi di ricerca sono riuscito a trovare un paio di telai e se tutto va bene entro una settimana mi metto all'opera per la conversione.
Un paio di domande, essendo un profano delle fisse non so dove sbattere l testa per trovare i mozzi e i rapporti, un biciclettaro qualsiasi ben fornito può aiutarmi?
Grazie in anticipo e complimenti per il blog

Aldone ha detto...

giaki se per rapporti intendi i pignoni fissi, temo di no, quella è la cosa più difficile da trovare.

Anonimo ha detto...

Ciao!
mi dici dove posso trovare delle belle bici a torino?
grazie,
laura.

Aldone ha detto...

Laura, tutto dipende da cosa intendi per "belle bici"