mercoledì, agosto 19, 2009

Prototipo


La fissa urbana è nata col recupero di vecchie bici da pista o con conversioni su telai degli anni '80, tutta roba in acciaio con tubi stretti, congiunzioni, serie sterzo da 1" e attacchi manubrio a gambo.
Forse per questo molti fissati sono legati a questi standard e le aziende cavalcano questa moda riproducendo materiale "d'epoca" vedi Cinelli con la Supercorsa, la Unicanitor, Selle San Marco con le Regal e Concor, ora anche Selle Italia con la Turbo, un po' tutti i produttori grandi a piccoli di telai, bici e componenti producono modelli "Vintage".
Riproporre cose vecchie è un successo sicuro, non si può sbagliare e soprattutto è facile, in giro in Italia è pieno di telaisti che facevano telai in acciaio 30 anni fa e, se sono ancora in attività, non hanno problemi a rifarli uguali uguali.
Quello che è difficile è fare qualcosa di non convenzionale.
Non è facile trovare un telaista che faccia un telaio da pista, con tubi e rinforzi da MTB, con battura 120mm da pista, ma con un carro corto dove ci stiano gomme da 30-35c, anche solo trovare qualcuno che faccia una forcella unicrown da 1 e 1/8" con rake e altezza giusti è un bel casino.
E' difficile perchè è una cosa che non vuole nessuno, perchè vuoi mettere il fascino del "vintage"?
E poi si può fare un telaio similvintage da freestyle che barspinni, si certo checcivuole basta fare le forca un po' più lunga e con meno rake e il gioco è fatto, costruire un carroarmato, la bici definitivaper usi "pesanti" è molto più difficile.
E' da più di un anno che voglio fare un telaio "senza compromessi" con le mie geometrie e le mie specifiche ...

3 commenti:

antonio ha detto...

nn penso sia difficile esaudire i tuoi "desideri"
Basta avere le idee ben precise e sborsare qualhe euro in più del listino...e cnosco qualche costruttore italiano pronto a lavorarci sopra.

ae

cuordibue ha detto...

Aldone, non si capisce la tua tragica conclusione sul magari giustificato discorso che le compagnie non assecondano i voleri della nostra nicchia se non provare senza rischiare troppo e riproponendo cose vintage che a loro costan poco in ricerca e materiali. Però sai anche benissimo che esistono telai+forcelle Riding in Circle, Brooklyin Machine Works, Subrosa Malum Fixed, Milwaukee Bruiser S700!! Senza parlare po (come forse ti suggeriva Antonio) dei telai vetta che molto probabilmente te li fa su misura ed in base a tutti i rinforzi e orpelli mentali che vuoi tu. Per intenderci: quale la causa di queste tue frustrazioni? Non hai i soldi per un nuovo telaio? Devi distinguirti coi tuoi panegirici sull'ovvia tristezza del mercato e dei mercati di tutto il mondo?
PS: lasciamo perdere la disattivazione dei commenti anonimi, ma dovresti capire da solo che chi segue quello che scrivi conosce ormai anche il tuo caratterino (mostrato soprattutto sui forum) ed è magari portato a pensare che tu non sia amante della benchè minima critica.

Nonostante tutto, i miei saluti :)

Aldone ha detto...

Caro cuoredibue, il Bruiser mi piace da impazzire e mi pare sia abbastanza chiaro se leggi il blog, il BMW mi piaceva prima di scoprire che si rompon le forche, Il Subrosa non so, ma sono in ottimi rapporti con Frontocean per cui mi piacerebbe molto vederlo, il Riding in Circle non mi piace perchè ha i tubi secondo me troppo sottili, Gianluca mi ha assicurato che è solidissimo, ma tant'è a me non piace.
I telai Vetta in generale non mi piaccioni (si salvano solo quelli RC perchè Gianluca si sbatte per seguirli per bene), in generale tutti i telaisti italiani fanno cose tradizionali e non hanno voglia di sbattersi a fare cose strane.

Pessimista? e perchè nel blog esprimo le mie opinioni e poi ... se il post si intitola "prototipo" e in foto c'è un rinforzo che non è presente su alcun telaio fisso attualmente disponibile sul mercato non pensi che c'è qualcosa che bolle in pentola??