lunedì, giugno 22, 2009

L'apoteosi del superfluo

La fissa urbana nasce come strumento estremamente essenziale, della serie, quello che non c'è non si può rompere.
La fissa è la bici del messenger che macina decine di chilometri al giorno, non ha tempo di regolare cambi e cavetti, non ha tempo di fermarsi, che il tempo è denaro.
La fissa esce dalla ristyretta cerchia dei messenger e diventa "mainstream", con le conversioni, coi telai da pista recuperati dalla polvere, le ruote a razze spaiate ... ma poi si innesca un meccanismo strano, la moda pretende che si montino componenti "di moda", non importa quanto costano, non importa se effettivamente servano oppure no, bisogna montarli, pena non essere un fissato serio.
E quindi ruote a profilo alto per tutti, non importa se costano un botto, servono a nulla, anzi.
La Sugino 75 a 450 euro completa non è un ottimo componente con un pessimo rapporto qualità prezzo (almeno in Italia), ma uno "status symbol" irrinunciabile.
Bisogna avere la ruota a razze, preferibilmente in carbonio, oppure no, tanto è solo per far scena.
Ok, è indubbiamente bello avere una bici montata da paura, ma quando leggo che uno DEVE montare un attacco manubrio Thompson da 100 euro e che un ottimo equivalente Truvativ non va bene perchè costa SOLO 25 euro c'è qualcosa che non funziona.
No, grazie non gioco a polo perchè poi mi si rovina la bici, non provo neppure un mezzo saltino che poi se cade per terra rovino le manopolo con le stelline, che son scomodissime, ma quanto sono stilose.
Scusate, questa non è la fissa di cui mi sono innamorato 3 anni fa.

64 commenti:

Anonimo ha detto...

e hai ragione.
Sulla mia ho messo i cerchioni da cicloturismo e ho un telaio che stava morendo in un angolino dal ciclista.
La fissa è "quello che non c'è non si rompe",e nient'altro.
Piuma.

mattia ha detto...

sono pienamente daccordo con te su alcune cose...
ma su una cosa purtroppo mi vedo costretto a dirti che non la penso come te...
l'attacco thomson e il truvativ...
io uso pezzi truvativ perchè non posso permettermi thomson...uso un vecchio reggisella raceface sulla full comprato su crc a 9sterline e un truvativ xr pagato 25 euri sulla front...
ok...non sono bici fisse...
ma secondo me ci sono componenti che non per questioni di moda, ma per le loro qualità, sono indubbiamente superiori a molti altri prodotti...
sono uno studente di architettura e figlio di un onesto calzolaio...quindi son cresciuto con l'idea che se trovo un pezzo a 10 euro usato, preferisco montare quello piuttosto che comprare l'ultima novità...l'importante è che il pezzo funzioni...
ma il giorno in cui potrò, monterò un reggisella thomson elite, un attacco thomson e una seriesterzo chrisking...
non perchè va di moda o è da fighi...
ma proprio perchè son pezzi che mi danno sensazioni di soldi spesi bene...
altri componenti son daccordissimo con te...
sono mode...
io vedo che per quel che riguarda le mtb, l'anno scorso c'era la mania del bianco e tutti a prender pezzi bianchi...e il 2010 sarà l'anno dei pezzi anodizzati...io son solo che contento perchè finalmente torneranno a fare pezzi in viola, che è una mia passione nata dalla bici del mio babbo che è del 93...poi magari il 2011 sarà l'anno dei pezzi neri e allora tutti a comprare pezzi neri...

non vuol essere questo intervento una critica o cosa...
è solo un pensiero personale

La Polisportiva ha detto...

sottoscrivo appieno. Non ho (ancora) la fissa, ma applico la tua la filosofia e macino Km.
Enrico

Anonimo ha detto...

dubito che a Londra spendano cifre così per farsi una fissa... è che qui in Italia non amiamo la bici ma amiamo le cose da sfoggiare agli amici per far vedere che siamo più furbi e più ricchi.
Allo stesso modo pensiamo che per andare in bici e vincere basta comprarsi quella del campione... per poi non allenarsi e aspettarsi grandi risultati che non verranno mai.

B.B.

Carletto ha detto...

ci son componenti e telai migliori di altri, ma la differenza l'hanno sempre fatta i ciclisti.a me piace correre, ma amo l'estetica quindi prima guarderò alla sostanza poi se rappresenterà ancora una priorità ci cambierò i componenti del caso. si è più sportivi o più edonisti? basta saperlo, ma non nascondiamo il nostro narcisismo con discorsi troppo alti su tecnica, materiali....
carletto

Anonimo ha detto...

quando la moda sarà passata, sarà una goduria... non vedo l'ora di permettermi un bel paio di mozzi regalati.
M!!!

Gian "Efil" ha detto...

http://bicifissa.blogspot.com/2009/03/la-bici-definitiva.html

"La Sugino 75 a 450 euro completa non è un ottimo componente con un pessimo rapporto qualità prezzo (almeno in Italia), ma uno "status symbol" irrinunciabile."[...]

[...] "Bisogna avere la ruota a razze, preferibilmente in carbonio, oppure no, tanto è solo per far scena."

Ma basta criticare, fatti un giro e sorridi che la bici è bella quando la fai pedalare.
Puntare il dito è semplice, non mi piace quello, non mi piace questo.
Io, sinceramente, il dito l'avrei puntato anche contro la tua di bici. Ovviamente solo per l'impressione che dà a prima vista. Ma sai che? non mi importa nulla perchè sono contento se alla fine, con quella bici, ci pedali e vivi.


Bless.

Gian

Aldone ha detto...

Gian, la Sugino 75 resta un'ottima gurnitura se pagata il giusto, intorno ai 200 euro completa, così come le razze sono un simpatico sfizio se trovate a prezzo umano, qui c'è gente che non pedala da 10 anni e prima ancora di provare il primo giro di pedali su una fissa va a comprarsi una HED da 1000 euro, senza essere minimamente in grado di apprezzare l'eventuale rigidità di una carbonio rispetto ad un cerchio a basso profilo raggiato in terza

Gian "Efil" ha detto...

Allora insegnaglielo, l'idea di una critica che non porti al positivo è decisamente inutile.

Anonimo ha detto...

MIODDIO quanto hai ragione!
Aggiungo pure che senza il kit completino cappellino + borsettina messenger...non sei nessuno.
mi avete saturato, inizierò a bucare gomme.

Anonimo ha detto...

gli americani hanno una parola da noi intraducibile per descrivere una cosa che ha cuore, che è vera ed inimitabile: SOUL. le mode di solito non hanno SOUL, cercano di imitare l'essenza delle cose, senza riuscirci. di solito si parte da un gruppo molto ristretto di persone, con valori comuni ed una forte condivisione di gusti. poi questi iniziano ad essere imitati da una cerchia più vasta, che ancora è in grado di condividere quei valori e magari rendere il tutto un pò più "divulgabile". la terza fase inizia con gli articoli di giornale. a questo punto la cosa è DI MODA e molti iniziano ad imitare l'aspetto esteriore senza comprenderne il SOUL. poco male. nel caso della fissa, magari, qualcuno eviterà di comprare lo scooterone o la microcar e girerà con la bici fissa da 2000€. a me sembra un'evoluzione. e poi, come sempre succede nei fenomeni di moda, alcuni resteranno impigliati nella rete e saranno sedotti da una cosa molto speciale: il SOUL. gli altri, spero si siano almeno divertiti.

Anonimo ha detto...

questo è il classico sfogo del rosicone, frustrato dal fatto che la sua fissa, un tempo "di nicchia", sta diventando SEMPRE più in fretta un oggetto SEMPRE più comune. E la frustrazione raggiunge l'apice quando pensi a quelle persone che, "ovviamente", non sanno apprezzare come te la rigidità di una ruota in carbonio ma se la comprano lo stesso perchè (beati loro) possono.

la cosa più simpatica di tutto ciò è che la tua bici (anche se mi dirai che i pezzi li hai pagati una miseria, e che TU SI' CHE APPREZZI IL CARBONIO) è esattamente ciò su cui hai sputato con questo sfigatissimo post.


pace

who.750@gmail.com ha detto...

è un poco che ti seguo. Ho 50 anni, vado in bici da una vita, sono stato agonista. Ho corso in pista. so cosa vuol dire usare il fisso. L'ho sempre fatto per restare in forma. La bici da velocità è eleganza meccanica. Chi rovina quell'equilibrio di efficienza e di stile è un animale.
Saluti.

ce ha detto...

ci sono anche collezionisti di ferrari che non hanno mai fatto i piloti o collezionisti di cartoline che non hanno mai fatto i postini o collezionisti di biciclette che non sono mai stati campioni. Non capisco dove sia il problema, se a uno piace una certa cosa e ha i soldi perchè non deve comprarla?
A chi sa pedalare forse brucia un po' che lo status venga deciso in base al valore dei componenti anzichè sulla bravura ma l'errore sta nel pensare che debba per forza esserci uno status (e una gerarchia con i capetti di zona e i capi più grossi ecc).
Io dico che se uno va in giro con una bici da 2000 eur ed è più lento di me per me questo non significa che non meriti il mio rispetto. Se devo criticarlo non è per cosa ha comprato, ma per la beneficienza che non ha fatto.

PS la vecchia storia del cmbio da regolare... sulla MTB l'ultima volta che è stato regolato il mio cambio (SRAM 9.0) avevo 700 km in meno nelle gambe, e quei km li ho fatti in percorsi ben più duri di quelli cittadini. Un bike messenger non ha tempo di regolare il cambio, secondo me il problema è che non lo sa fare....

Aldone ha detto...

E' bello vedere che c'è gente che non mi sopporta e che comunque ha tempo di leggere tutto quello che scrivo e pure di commentarlo con insulti vari ... interessante

Anonimo ha detto...

Caro Aldone,
non leggo insulti nei vari commenti "negativi" al tuo post, ma interessanti osservazioni e punti di vista. Mi pare tu abbia un po' la coda di paglia e nonostante trovo il tuo blog super utile per avvicinarmi alla fissa, devo ammettere di trovare questo tuo ultimo post veramente inutile. Da che mondo è mondo esistono Poser, Fighetti, Spendaccioni e più chi ne ha ne metta (soprattutto nella nostra italietta) ma ancora pi
ù tristi sono i presunti manifesti anti fighettismo. Un vero fissato se ne sbate semplicemente il cazzo e non si fissa a giudicare tizio e caio. Pertanto spero continuerai a parlare di biciclette, componenti piuttosto che di ste cazzate.

Un saluto stimato, Daniele

Aldone ha detto...

Daniele, gli insulti gratuiti preferisco non pubblicarli.

Anonimo ha detto...

non esaltarti adesso, che bastano 2 minuti per leggere un post.

non c'è niente di "bello" e "interessante"; un blog funziona così, c'è uno che posta e altri che commentano, e se qualcuno ti insulta è perchè non gli piace quello che hai scritto... da ciò non ne deriva che la gente passa tutto il giorno a leggere tutto quello che scrivi come volevi pateticamente intedere, non penso proprio che tu sia al centro delle vite di chi ti insulta.

pace

Anonimo ha detto...

LOL ! Per essere un post " del cazzo " direi che ne sta raccogliendo di commenti. Evidentemente aver incluso " cerchi a profilo alto " + " manopola bmx a stelline " nell'elenco delle gayaggini 2009 ha fatto stizzire di rabbia molte ragazzine .

teo

Anonimo ha detto...

Quoto in pieno il tuo pensiero Aldone, la mia fissa è di recupero totale e la uso ormai giornalmente per andare a lavoro. Nonostante tutto, ognuno è libero di spendere come crede, di montare quello che vuole. Se ogni mattina mi alzo e sorrido è per quello che sono, e non per quello che ho.
M.

idefix ha detto...

c'è un aspetto filosofico ("quello che non c'è non si può rompere" e "telai da pista recuperati nella polvere") che mi affascina, ma solo se gli vengono dietro di pari passo tecnologia (componentistica di buona qualità) e soprattutto estetica ("bello avere una bici montata da paura...": continua la tua lotta al superfluo, ma tecnologia ed estetica....sono superflue?

Aldone ha detto...

ottima osservazione idefix, tecnologia ed estetica sono importanti, l'innovazione tecnologica è fondamentale e ovviamente nessuno vuole cose brutte, MA l'estetica non deve prevaricare la funzionalità e la tecnologia ha senso solo se effettivamente utile.
Se vivo in un igloo sperso tra i ghiacci polari ha poco senso comprare un bellissimo freezer ipertecnologico

ett ha detto...

Per diffondere una idea devi farla diventare moda, incidere sul PIL. Forse è moda anche cercare di esserne al di sopra. Quello che mi interessa è che è aumentato il numero dei ciclisti, elettori, utenti della strada, bisogna pensare anche a loro quando si pianifica la città, non solo agli automobilisti, lettori.
In tal caso facciamo le mode per quelli che le cercano così fanno quello che ci interessa.
PEDALANO!

TREVISANI ha detto...

tutto vero , tutto giusto il post di Aldone . Ma se cosi fosse al mondo non ci sarebbero cose belle.
A volte mi piace stare seduto sorseggiando un caffe e guardando la mia fissa, che è troppo bella montata con quella inutile aereospoke e il h+son

Anonimo ha detto...

perche non le si dice in faccia queste cose,quando incontrate uno con la fissa, buco le ruote... ma provaci una volta, e se vuoi ti do il mio numero, ripeto siete dei presi male... vecchi dentro.

UMBE RC ha detto...

Ciao aldone la mia non vuole essere una critica ne cattiva ne sterile, ma mi chiedo come proprio tu possa parlare di apoteosi del superfluo quando pedali su un vigorelli con una sugino75 anodizzata, l'aerospoke e tutte queste cose che consideri superflue, mi dispiace aldone a volte mi piace il tuo blog, altre proprio non ne capisco gli intenti...più pedalare e meno filosofeggiare...

Anonimo ha detto...

Devono pur mangiare anche chi vende le bici e i pezzi, non trovate? Mica si può incolpare uno che si compra una ducati 999 per andare al bar e non a misano... il paragone tiene eccome: per andare al bar bastano i soldi per girare decentemente a misano ci vanno soldi e manico. E se non hai soldi con una vecchia moto stai davanti a quelli con il 999.

B.B.

Anonimo ha detto...

ehi, potete dire tutto ma non insultate le manopole con le stelline! Sono troppo belle!
L'essere umano davanti al blog diventa incredibile, una nuova specie! Go big or go home! Ciao a tutti dalla svizzera

Luigi

Anonimo ha detto...

... e dopo che gli sei stato davanti?
Ognuno fa quello che gli pare se vuole correre, corre, se vuole montarsi sulla bicicletta un telescopio ce lo monta.
... e se e' contento lui di questo fa bene a montarselo.

Cordialmente


Riccardo

davmo ha detto...

Bravo Aldone, e ne aggiungo una: oggi a milano (e monza dove vivo, e magari altrove dove bene non so) sembra che se non ha una fissa sia uno sfigato...bravi tutti, e poi vanno a rompere le palle sui marciapiedi perchè sulla strada hanno paura (visto che NON sono capaci di frenare)...lì basta un pò di sale in zucca e autocensura...io giro in bici per la citta da anni, poi nel week end esco con la bici da corsa...e ora mi sono innamorato della single speed, senza cavi inutili...ma non essendo un pistaiolo non sono in grado di "fissarmi" per strada...quindi per l'uso da strada mi sto costruendo una "contropoedale", e poi la fixed la usi in pista...semza fare il figo, eh??

Aldone ha detto...

Umbe RC, il mio discorso è un po' diverso, un conto è usare certi componenti, magari dopo aver pacioccato su conversioni e dopo un anno che il telaio è montato con una guarnitura di recupero, diverso è montare gli stessi componenti ammettendo pubblicamente, che senza quei componenti la fissa è inaccettabile, ovvero prima di tutto l'arrospok, meglio se colorato, poi il bello di pedalare su una bici divertente ed essenziale

Enrico ha detto...

Eh eh... per non parlare di chi monta corone da 40/50 euri crono o pista su telai convertiti e guarniure prese su ebay!
LOL

"No, grazie non gioco a polo perchè poi mi si rovina la bici, non provo neppure un mezzo saltino che poi se cade per terra rovino le manopolo con le stelline, che son scomodissime, ma quanto sono stilose."

Aldone, ognuno con la fissa ci fa un po' quello che gli pare... A polo io ci gioco senza paranoie con la bici del katsu, ma con le 2 fisse carine non ci penso nemmeno ad andarci pesante. Idem per i trick: preferisco scannare tra le auto inveendo con gli autoinscatolati piuttosto che passare i pomeriggi ad imparare bar spin.

Anonimo ha detto...

La "Fissa" la uso perchè è un altro modo di pedalare, mi obbliga a valutare sempre lo sforzo, la velocità e quello che mi succede intorno (come ogni altro mezzo), per contro mi permette di avere sempre il pieno controllo del mezzo e riduco il numero dei pezzi che potrebbero "incepparsi". Per tutto ciò mi basta un telaio con i forcellini orizzontali, un pignone fisso rapportato alla guarnitura che già ho e il resto lo regalo.
Il tipo di mezzo si sposa perfettamente con la mia logica di decrescita; non mi sognerei mai di spendere una fortuna su una bici per il semplice gusto di avere "una bella bici", una bella bici è quella che pedalo e mi da gusto pedalare, allo stesso modo non spenderei mai una fortuna su una bici da corsa a meno che non possa usarla pienamente.
La bici è una rivoluzione, un diverso modo di pensare, spero che vada quanto più di moda ma legandolo al fatto che mi possa evitare qualche auto in strada.
Il resto sono chiacchiere.
M!!!

robben ha detto...

beh direi che UMBE RC,abbia detto una grossa verita'...

Anonimo ha detto...

scusa ma chi l'ha mai detto che la fissa senza componenti supercostosi è inaccettabile?dove l'hai mai sentito?
dove ti arrampichi?


dai hai fatto un post del cazzo.. volevi tirartela un pò, tutto qui

ciaooo

Caale ha detto...

E' un discorso di gusti, possibilità e interessi che vanno oltre ad ogni giudizio personale, possono essere scelte razionali o no, condivisibili o meno.
Detto ciò le strade sono due, la praticità e duttilità nei diversi usi contro l' estetica e il gusto, basta SAPERE e POTER scegliere...poi il confronto è inevitabile, ma due punti di vista diversi nascono sempre da criteri di giudizi differenti...

IO HO SCELTO...
http://fixedbergamo.blogspot.com/2009/06/no-tricks-no-jump-only-ride.html

Anonimo ha detto...

credo che il discorso sia:

se guadagni onestamente 10.000 euro al mese spendere per te 1000euro per un paio di ruote equivale ai miei 50euro per un paio di copertoncini.

se guadagni 1300euro al mese e fai una finanziaria per un paio di ruote sei un coglione, ma io non te lo dirò mai in faccia perchè in fondo rispetto la tua scelta.

Anonimo ha detto...

Parla colui che ha una Vigorelli, perchè va di moda, che aveva un Aerospoke quando andava di moda, ma appena non era più così di moda, l'ha cambiato con un Fir a razze, perchè molto più figo e di moda.
Colui che ha una guarnitura Sugino, solo perchè di moda visto che siamo in Italia e trovi una Campagnolo vintage alla metà, ma non gli bastava avere la guarnitura alla moda, deve averla anche del colore strano perchè così può far vedere che è più figo degli altri.
Parla uno che va in giro con una bici che non è una bicicletta, una fissa o quant'altro ma uno status symbol a due ruote.
Sia ben chiaro che puoi avere la bici più figa e più alla moda che vuoi che a me non interessa finchè ti diverti ed hai i soldi per comprartela....ma chi predica bene e razzola male uhm.......non mi ha mai convinto.

darkferro ha detto...

hai ragione...
io mi sto avvicinando alla fissa solo adesso, in qualche modo... magari rimettendo in sesto una vecchia bici da corsa, che mi ha fatto fare un sacco di km per andare a scuola, almeno 3 lustri fà... vediamo che succede

taka ha detto...

uff che bel flame che mi son perso!

scusate ma cerco da una settimana le manopole con le stelline..
qualcuno sa indicarmi il distributore piu' vicino?

Anonimo ha detto...

Ma guardate bene le bici come sono montate prima di parlare, perche nessuno soprattutto a torino monta mozzi da 400 euro, tutti o quasi abbiamo mozzi da 50 euro, che se rinunci a due aperitivi o quant altro, te li puoi permettere, i profili costano 30 40 euro, nessuno monta profili da 2000 euro, le manopole costano max 13 euro, e le guarniture costano dagli 80 euro in su, ma in pochi montano guarniture da 400 euro, dove li avete visti sti fissati con tutti sti pezzi costosi? e poi perche uno che arriva da una new school deve per forza avere una bici anni 80? fa piu figo forse avere una bici vintage? siamo nel 2000,i pezzi cambiano,le mode si evolvono, tanto con la bici costosa o a costo zero,
sempre sotto il sole pedali, e sempre razzista rimani, aprite la mente, le cose che non funzionano sono ben altre, siate presi bene quando vedete uno in piu in bici,
basta con queste storie da ragazzini di 15 anni, basta, ogniuno è libero anche di farsi i debiti se lo vuole, al max si danno consigli non giudizi.
e cosa fai, le cose non le dici in faccia,ma ti fai il figo con i tuoi amici, dicendo, guarda quello e guarda quell' altro, no,cosi non sarete mai partecipi di questa rivoluzione.

Anonimo ha detto...

Hey, caXXo...aldone puo' usare il vigorelli con le 'rrospoke e il sughino...la fissa la inventata lui!
tutti gli altri sono arrivati dopo. e non vi azzardate a criticare ri-caXXo

richard cranium

Anonimo ha detto...

Una opinione vale l'altra e due valgono zero.
A=B
A-B=0
--------
salutoni
B.B.

Anonimo ha detto...

se guadagni onestamente(?) 10000 pleuri al mese e ne spendi 1000 per un paio di ruote, o lo fai guadagnandone 1300 al mese, per quel che mi riguarda sei un coglione uguale, se posso te lo dico in faccia e ti spiego perchè, il mondo non gira come pensi. Spararsi una cifra del genere per soddisfare il proprio edonismo è da stronzi, gli stessi che ti parlano di sicurezza e sono per il reato di immigrazione clandestina, vallo a spiegare a un qualsiasi ragazzo senegalese che vive in 8-10 dentro una casa in condizioni di merda, da clandestino, costretto a scappare con la sua mercanzia tarocca per mandare dei soldi alla famiglia che nel frattempo campa peggio, mangiando poco più di un pugno di cereali a testa al giorno, che ti sei sparato tutti quei soldi per una bella coppia di ruotine a profilo alto.
Cordialmente,
M!!!

Caale ha detto...

Immigrati e soldi in tasca alla gente...sono convinto che tra non molto salteranno fuori Berlusconi e i ceti sociali, ma finiamola, si sta andando fuori traccia...

Anonimo ha detto...

ti ripeto anonimo dove li hai visti sti fissati con ruote da 1000 euro,anche da meno,non credere che interessi solo a te come funziona il pianeta, non credere che chi spende tanto, non abbia mai lottato contro questo sistema, hai sbagliato blog,se pensi di trovare gente che rinuncia a
al profilo alto per aiutare un senegalese, se ti va di fare del bene, fallo, ma occhio perche dalle scarpe a quello che mangi danneggia ugualmente i senegalesi, la tv danneggia i senegalesi, i giornali danneggiano i senegalesi, tutte le auto fuori danneggiano i senegalesi,
lo stadio danneggia i senegalesi, i diamanti danneggiano i senegalesi, il mac donald danneggia i senegalesi, i potenti danneggiano i senegalesi, la citta danneggia tutti noi, scrivi un post a tutto il mondo, non attaccarti a due profili, perche ce anche gente che se li merita,perche pedala.
Comunque non prendiamola a cuore questa cosa, i problemi come dici tu son ben altri. Sicuramente il consumismo non è una bella cosa,
ma ricorda che nessuno nasce consumista è solo quello che hai intorno a farti diventare cosi, prendi un senegalese e da piccolo mandalo in una famiglia di ricchi,e anche lui avra i profili alti, anzi forse piu alti degli altri.

Anonimo ha detto...

Bella cazzata M, se io guadagno 10000 euri non vedo che problema c'è a comprarmi 1000 di ruote, se mi piacciono le compro e basta, che le compri oppure no non migliora la vita a un ragazzo senegalese

Anonimo ha detto...

io ho usato i profili di decatlon per 8 mesi, e non ho mai guardato con invidia o con cattiveria chi aveva i profili alti, anzi, mi sono sempre informato per sapere come andavano, se erano rigidi, se quando spingevi erano piu reattivi e quant altro, un giorno ho trovato anchio i profili alti a un prezzo decente, cioe meno di 40 euro l uno, appena comprati, cera l occasione di altri due ad un prezzo ancora piu basso, quindi, non arrampicatevi sugli specchi con poverta, moda, e immigrazione,non dite parolacce al pc perche tanto basta scriverle, rileggetevi tutti i post e poi ditemi se non sembrate delle femminucce isteriche.

Aldone ha detto...

stiamo andando un po' off topic

Anonimo ha detto...

La bici per me è parte del modo di vivere, ragionare, comportarmi; prendere dei soldi e sperperarli per stare dietro ad una moda non lo concepisco non chiedetemi quindi di accettarlo.
La fissa sposa ancor di più tutto questo perchè mi riduce il necessario, anche su una bici.
Se guadagni 10000 euro al mese e ti compri due ruote da 1000 ha lo stesso sapore di comprarsi il SUVone per girarci in centro città.
Chiaramente sono dei punti di vista.
Cordialmente;
M!!!

Anonimo ha detto...

Per Taka:

sei serio per le manopole con le stelline (con 'sti toni, non si sa mai)?

Io le ho trovate a Londra in un negozio, senno' le avevo viste in ebay USA.

Ciao ciao Luigi

daz ha detto...

Aldone, condivido in toto il tuo pensiero, un po' meno l'epilogo da Guru in trono.
Sono quasi nuovo nel mondo delle fisse ma credo che il discorso si possa applicare in molti altri contesti, sportivi e non. Nello sci, per esempio: gente con sci da 2000€, tute bollate FIS, bastoncini curvi in carbonio e chi più ne ha più ne metta. Ed è gente che a malapena sa tenere gli sci paralleli :D
Credo che ognuno sia libero di fare quel che vuole del proprio grano però.
Noi ci limitiamo a prenderli in giro, visto che il manico in pista si vede. O a rifilargli delle belle patacche, tipo la sciolina prototipale della nazionale USA a suon di pezzi da 100€ haha..

take it easy

Monsieur Khaos ha detto...

@Anonimo

In italiano SOUL si traduce ANIMA e non mi pare sia una parola dal significato meno profondo... Trick si può dire evoluzione, brakeless senza freni etc... Abbiamo la fortuna di avere un vocabolario mostruoso, l'inglese ha 4 parole messe in croce spesso usate per indicare più cose contemporaneamente. E' un peccato a mio avviso dimenticarselo.
Come è un peccato montare una ruota da 1000 euro senza conoscerne il valore (a parte quello economico).


Pedalate, ninformatici! ;)

Eneko ha detto...

In tutte le mode, sembra che più barbone sei nel movimento (tutto vecchio, trovato trai rottami...) più figgo sei e più raggione hai. È succeso nel skate o in qualsiasi altra moda urbana più o meno "temporale". CAZZATA.

Al stesso modo più parole inglese usi, più figgo sei.fixed, brake less, bar spin...(quanta raggione hai Monsieur Khaos).CAZZATA.

Tutte due mi sembrano cazzate, comunque, ogni uno faccia quello che vuole, e mettiamoci a criticare ai autisti che loro sono i coglioni, e basta.

valerio188 ha detto...

...Bisogna avere la ruota a razze, preferibilmente in carbonio, oppure no, tanto è solo per far scena.
http://bicifissa.blogspot.com/2009/06/lapoteosi-del-superfluo.html


...i motivi per cui montare un Arrospok all'anteriore sono: perchè è figo e perchè è particolare, quando ci si trova in 7 o 8 alla partenza di un'alleycat con 'sta ruota, beh, le 5 razze in plastica perdono molto del loro fascino.
http://bicifissa.blogspot.com/2008/12/fir-650c-in-carbonio-razze.html


Due stralci presi da due articoli diversi.
Apparentemente sono simili però nel primo si critica l'avere una ruota a razze solo per far scena mentre nel secondo si legge che la ruota a razze che ha montato perde il suo fascino se ce l'hanno altre 7/8 persone.

Aldone ha detto...

La ruota a razze e in particolare l'Arrospok E' SOLO PER FARE FIGO, punto.
L'ho sempre detto, l'ho detto quando ce l'avevo solo io, quando ce l'avevano 7-8 persone e ora che "è indispensabile".
Se la cosa vi dà fastidio non so che farci

_oggi_sono_Luca_ ha detto...

Mi ricorda tanto "il piccolo trattato di ciclosofia"... mah... senti a me piace il cicloturismo... quello lento... che faccio con un'atala vecchia come il cucu'. pero' pero' devo ammettere che la bici nuova, bella,per i sentieri di qui intorno me la sono comperata. E devo anche dire che va egregiamente. Me lo sono chiesto davvero se ne valesse la pena... pero' ne sono rimasto soddisfatto. senza togliere che mi va benissimo anche la bici fissa all'occorrenza ! un saluto _r_

Idefix ha detto...

allora per alcuni di voi questa (http://www.fissa-azione.com/2009/07/il-lusso-due-ruote.html) è....pura mondezza? Mah!!

Aldone ha detto...

5500 USD a della gente che non sa neppure montare una sella in bolla??
pazzesco

Lanerossi ha detto...

Idefix: sì, è pura mondezza!

La Brooks a mo' di tappo anale è pure delirio :D

Anonimo ha detto...

Mi permetto, la sella non è proprio in bolla ma le Brooks si montano con il naso all'insù.
I due designer, non hanno disegnato nulla di nuovo, il telaio è lo stesso di sempre, i parafanghi si trovano altrove così come sella, manopole e tutto il resto.
Non capisco proprio perchè si dovrebbe pagare una cifra del genere per quella bici.
M!!!

Lanerossi ha detto...

Certo, le Brooks si montano con la punta leggermente verso l'alto.
Una sella che mira pericolosamente al tuo buco del culo è però un'altra cosa...

P.S.: stasera ho male al culo perchè ho montato la Brooks sulla bici nuova e non ho ancora trovato l'inclinazione perfetta... Incredibile come pochissimi mm facciano diventare insopportabile una sella così comoda!

Anonimo ha detto...

Che intenditori che siete ad apprezzare la sella brooks su una bici
da pista, neanche gratis la monterei, anti estetica a manetta e ben poco racing,metteteci anche il campanello
in pelle e siete devi veri pistard urbani.

Lanerossi ha detto...

Un minimo intenditore di bici, senza falsa modestia, credo di esserlo.

E so distinguere una bici da pista da una qualsiasi bici a scatto fisso.

Detto questo so pure che le Brooks sono delle selle comodissime (c'ho fatto una Maratona delle Dolomiti domenica e lunedì il didietro era ok, come raramente lo è stato dopo un centello con altre selle "moderne"), dopo il dovuto rodaggio. E conosco pure Brooks molto racing.

E pure molto belle esteticamente, che si abbinano bene alla mia bici.

P.S.: ma lo sapevate che per il 70% della storia del ciclismo su pista si sono usate selle in cuoio come le Brooks sulle bici da pista :D