venerdì, luglio 12, 2013

30 Km/h

Tutti parlano di zona 30, ovvero di limitare il traffico nei centri urbani a 30Km all’ora.
E’ una cazzata.
Non ha senso.
30 Km all’ora controllati seriamente significa che in realtà per non rischiare multe bisogna andare a 25, ovvero alla velocità di una bicicletta spinta bene.
Calcolato che comunque, nonostante l’assurdo divieto, è necessario rispettare la segnaletica stradale E soprattutto fermarsi ai semafori rossi, ne consegue che la velocità media difficilmente potrà superare i 15Km/h, Un corridore a piedi piuttosto bravo è in grado, non dico di superarmi, ma sicuramente di starmi dietro.
Esclusi bimbi con le rotelle, quasi qualunque ciclista, più qualche skateboarder e diversi pattinatori, è in grado di andare alla stessa velocità, assurdo!
Con un limite a 30 Km/h persino moto e motorini non hanno senso; qualunque mezzo a motore da migliaia, decine di migliaia di euro non è più veloce di una bici da meno di 100 euro, ma vi sembra giusto?
Ma insomma come pensate di poter guadagnare dei soldi in questo modo?
Se non si vendono più auto, moto, benzina, assicurazione, bolli vari come facciamo a far girare l’economia?
Se la gente gira a piedi o in bici, chi va in palestra?
Se le strade sono sicure e i bimbi liberi di giocare e scorrazzare, chi compra videogames?
Chi passa le giornate davanti alle televisione?
Insomma, oltre alle auto si ferma anche l’economia del Paese!
Dobbiamo fermare a tutti i costi questa assurdità.


J

7 commenti:

Glaucos ha detto...

All'inizio pensavo avessi perso il lume della ragione! :-)

marco melillo ha detto...

eroe
c'ero rimasto dimmerda, nonostante legga il blog da un bel po'... "tavevopreso per un coglione" (cit.)
e invece sei un eroe

Pierluigi Vernetto ha detto...

mi sa che ci hai ragione, i bambini obesi a casa a consumare e rincoglionirsi sono una manna per l'economia, mica ci avevo mai pensato.

piu auto, meno salute, piu' popolo bue!

Flavio Giovannangeli ha detto...

Il problema è un altro: In Italia una "Zona 30" non ha senso perché non la rispetterebbe nessuno! Stiamo parlando di italiani, non di tedeschi, non dimenticatelo.

m@w ha detto...

Infatti nel mio paese (strade strette e tutte a curve e in salita/discesa dove passa una macchina alla volta, precedenza a destra o a chi se la piglia e assenza di marciapiedi e segnaletica) il limite di 30 c'è già. Qualcuno che lo rispetti, invece, no.

LUIGI ha detto...

Bel argomento, sicuramente il numero giusto non è tanto il 30 ma è quello che identifica il numero di bici vendute nel 2012...

Mad Mat ha detto...

Io sono di Saronno...

Han messo il limite a 30 due anni fa ormai...se lo caga solo chi va anche in bicicletta per la maggior parte degli spostamenti (io nella fattispecie, e ne sono anche un promotore), inoltre non ho MAI visto fare un controllo in due anni. Gli automobilisti se ne fottono a prescindere, non ci ragionano nemmeno su quale possibile vantaggio possa avere una soluzione del genere.

Il discorso è sempre quello, o si tartassa, si vieta, si multa etc oppure questi divieti non servono mai a un cazzo nel nostro paese...siamo troppo lontani da qualsiasi senso civico.