lunedì, settembre 05, 2011

Il peso della bici


I ciclisti si dividono in due categorie: i maniaci del peso e quelli a cui non frega nulla.
Come al solito la soluzione migliore sarebbe stare nel mezzo, una certa attenzione al peso senza diventarne maniaci, anche perchè i componenti delle bici vanno un tanto al peso, con la particolarità che al contrario di tutto, in questo settore le cose meno pesano e più costano.
L'esempio più ridicolo sul mercato è un noto pedale che in versione base pesa 256 grammi e si può comprare per la relativa modica cifra di 50 euro, ma la versione in titanio, che ne pesa solo 174 (per un risparmio di peso di ben 82 grammi!) costa 10 (DIECI) volte tanto.
Tornando sulla terra, una bici leggera, è meglio, il vantaggio della fissa è che partendo da un telaio in onesto acciaio di solito si riesce a stare sotto i 10Kg, mentre partendo da un telaio leggero con una certa attenzione ai componenti non si fa fatica a stare sugli 8kg.
Le mosse giuste per una bici leggera sono infatti partire da un buon telaio ed evitare tutta la roba inutile; volete il cambio e i freni, e va bene, però mettere una forca ammortizzata su una bici urbana è solo aumentare inutilmente il peso (e il prezzo visto che una forcella buona costa come una bici economica).
Quindi se state facendo una bici nuova o volete cambiare dei pezzi alla vecchia, pensate anche al peso dei componenti da montare, perchè con un etto di qua e 50 grammi di là, non ci vuole molto a cambiare il peso finale di una bici di 1 chiletto e un kg fa una bella differenza quando si pedala e ancora di più quando si trasporta una bicicletta.

2 commenti:

LaFaTTaTurchina ha detto...

eggbeater? :)

Pierluigi Vernetto ha detto...

la bici e' una filosofia prima che una tecnologia. Chi si fissa sulla tecnologia rischia di perdersi la parte piu bella, cioe' il godimento estatico di librarsi nel vento ed essere parte della natura - il che puo' avvenire a qualunque velocita' e a qualunque peso di bici purche' inferiore ai 20 Kg