mercoledì, settembre 22, 2010

Impatto Zero

La scorsa settimana ho letto sul Corriere della Sera di auto elettriche, che secondo alcuni dovrebbero rappresentare la panacea di tutti i mali.
Peccato che fino a che fanno 50-60 Km con una batteria carica non risolvono proprio nulla, tantomeno se l'elettricità la si è prodotta bruciando petrolio in una centrale termoelettrica, come purtroppo si fa in questo paese.
Poi mi è capitato di sentire distrattamente in radio di un viaggio su una moto elettrica "ad impatto zero", l'iniziativa si chiama Ricarica Italia, trovate info su riders-online.
Ora, ad impatto zero non c'è nulla, se fai qualcosa, qualunque cosa, impatti su questa terra, la scelta è se impattare molto o poco e quanto la cosa sia più o meno sostenibile, l'auto elettrica sicuramente inquina meno (in città) di una a benzina, ma inquina comunque altrove: dove si produce l'elettricità, dove la si trasporta, dove si costruiscono le batterie e dove si smaltiscono quando sono morte.
Per carità non voglio tornare a vivere nelle caverne cacciando animali con coltelli di selce, la tecnologia è comoda, anche l'auto lo è, se usata quando serve, certo è meglio qualcosa che inquina poco rispetto a un equivalente che inquina molto, ma per favore evitiamo di prenderci per il culo con l'impatto zero, che poi la gente ci crede, rottama l'auto a benzina (e smaltire una automobile costa sia in termini di soldi che di impatto ambientale) e ne compra una elettrica per consumare ed inquinare quasi uguale.
Non dico sempre, ma ogni tanto, usate 'sta cazzo di bici, almeno inquinerete l'ambiente cacando di gusto dopo una sana attività fisica.

8 commenti:

LaSerpe ha detto...

In realtà non è solo cacando che inquini, ma anche dovendo mangiare di più. Alla fin fine l'energia che dissipi sui pedali da qualche parte arriva :-)

Vincenzo ha detto...

tempo fà mi si è scaricata la batteria della mia vecchia Panda...per pigrizia l ho cambiata dopo 8 mesi, per muovermi usavo la bicicletta http://www.facebook.com/photo.php?pid=277211&id=1467092436&ref=fbx_album ; 30/35 km al giorno una figata. Il risultato è stato 5 kg in meno, tanti soldi risparmiati sul conto corrente e tutti questi bicibenefici qui http://www.nomofazu.org/home/index.php?option=com_content&view=article&id=141:bici-benefici-esperimento-di-auto-liberazione&catid=38:ambiente&Itemid=125
Adesso la mia Panda non c è più ho cambiato scatola di ferro, una di quelle col computer di bordo diesel multujet l ho usata ieri per portare la bici dal ciclista...e per arrivare da lui che dista da me 15 km ho fatto una media 24 km/h incazzandomi nel traffico. La prossima volta la smonto di tutto punto la fisso al maniglione dello zaino e ci vado con l altra bici che è meglio

info ha detto...

estremizzando allora anche l'alluminio o le leghe che ci sono in una bici non arrivano proprio dall'aria... bisognerebbe andare a piedi e ridurre ancora di più la propria "impronta" sul pianeta.
non è polemica, solo una piccola amara riflessione.

groucho89 ha detto...

quello che inquini per produrre energia elettrica in una centrale(aimè termoelettrica), risulta essere minore di quello che inquini utilizzando direttamente la benzina nel tuo motore..sicuramente non è ad impatto zero(e chi lo sostiene è un ignorante), ma non è neanche solo questione di dislocamento dell'inquinamento!

francesco ha detto...

da qualche parte hanno inventato la bicicletta di bambu, pare una cosa seria e funzionante e robusta e naturalmente naturale, tranne per gli ingranaggi. penso che se la gente usasse di più la bici ragionerebbe anche in modo diverso. comunque per quel che mi riguarda non sopporto la bici a scatto fisso, la trovo inutile e modaiola, nulla a che vedere con una comoda robusta e pratica bici col cambio moderno, sul freno, che ti permette di gestire la pedalata e la velocità e la frenata in tutte le situazioni, in città soprattutto, e lascia in pace i legamenti del ginocchio. saluti

Federico ha detto...

Cercate una bici usata, sistematela a dovere, rendetela fissa, fatene una city bike o quello che piu vi piace, insomma siate orgogliosi di usarla.
A quel punto dimenticate di avere la macchina, non pensate che l'inverno sia troppo freddo per la bici, non disperate se i km sono troppi, usatela e basta.
Quando il vostro fisico sarà allenato e starete meglio non potrete piu farne a meno!

francesco ha detto...

l'unico problema, a parte il rischio di essere investiti, è lo smog...

Aldone ha detto...

Francesco, ragionando così lo smog non potrà far altro che aumentare ... e comunque lo smog lo respiri anche stando in auto