mercoledì, luglio 21, 2010

Seggiolini portabimbo #1


Parliamo un po' di seggiolini portabimbo.
Accessorio indispensabile o quasi se avete bambini piccoli, non è così facile scegliere quello giusto.
Innanzitutto perchè, al pari di molti accessori "da città" la maggior parte dei negozi specializzati in bici da corsa e/o mountainbike li snobbano e neppure li hanno disponibili.
Se li hanno, spesso hanno un solo modello, generico, alla richiesta di informazioni la rispostà è molto vaga perchè è un prodotto che non conoscono e non hanno interesse a vendere.
Spesso gli unici che si riescono a trovare sono fatti abbastanza male, seppur apparentemente con tutti i dovuti certificati a norma di legge a posto.
Come orientarsi per non fare errori che potrebbero causare proplemi al pupo e rendere l'utilizzo da scomodo ad un vero inferno?
Tanto per incominciare scordatevi di portare un pupo di pochi mesi in bici su un normale seggiolino, i neonati hano una muscolatura di collo e spalle poco sviluppata, di solito nei primi mesi di vita non riescono neppure a tenere la testa dritta, trasportarli su qualcosa che non sia una carrozzina o un seggolino a ovetto per utilizzo automobilistico significa rischiare che si facciano seriamente male, per cui se volete/dovete usare la bici l'unica soluzione valida è montare un ovetto per auto su una bici da carico o un carrello.
Quando il pargolo cresce ed è in grado di stare correttamente seduto si può passare ad un normale seggiolino da bici; ce ne sono di 2 tipi, anteriore e posteriore, il primo è valido fino a 14Kg di peso, il secondo fino ai 22kg.
Apparentemente quello anteriore è il migliore, il pupo si diverte guardandosi in giro, il genitore che pedala ha la creatura sotto gli occhi, ci sono però alcune grosse controindicazioni.
Prima di tutto davanti si prende un sacco di aria in faccia, insieme a polvere e moscerini, il consiglio è usare da subito un parabrezza, pena trovarsi il bimbo raffreddato ogni qual volta si prende la bici.
Il secondo è che se avete un figlio molta agitato guidare può diventrare da scomodo a quasi impossibile; già il peso concentrato sullo sterzo non facilita, ma se il passeggero inizia a dondolarsi a destra e sinistra, mettere le mani sul manubrio, sui freni e sul campanello, tanti auguri.
Anche se personalmente non ho avuto il problema mi hanno anche segnalato che in alcuni casi le gambette del bimbo possono essere schiacciate o comunque urtate girando il manubrio.
Il modello posteriore è decisamente più comodo e polivalente visto che lo usate fino ai 5-6 anni della creatura, la cosa sconvolgente è che buona parte dei modelli in circolazione sono per il pupo dannatamente scomodi, se vi capita fateci caso, moltissimi seggiolini si fissano troppo vicini alla sella, rimane poco spazio e il piccolo si ritrova incastrato tra sella e schienale con la faccia schiacciata sulla schiena o peggio il culo di chi pedala e non è un bello spettacolo.
Dopo varie ricerche il modello, secondo me, il migliore in assoluto sul mercato è l'Hamax Siesta posteriore.

3 commenti:

Charlie ha detto...

hai provato a montarlo anche sulla fissa? perche` per la fissa secondo me e` meglio avere il seggiolino davanti, per poter frenare meglio. non sono ancora in eta` da figli e non intendo esserlo ancora per un bel po` di tempo, ma mi interessa il post perche` sto cercando di ideare un "seggiolino" per cani...

Aldone ha detto...

questa era fissa http://bicifissa.blogspot.com/2008/06/bootleg-city-rats-cargo-fixed.html
anche se in effetti la fissa non è la soluzione migliore per il trasposto bimbi

Lele ha detto...

Quote L'Hamax Siesta. Mio figlio ci si fa certe dormite senza nemmeno avere il classico problema di avere la testa ciondoloni. Un pò ingombrante ma eccezionale. addirittura costruito pensando al fatto che il bimbo indossa il casco.